Pitti Uomo 2019 – trionfa la moda sostenibile

25 gennaio 2019 – La sostenibilità ambientale afferma il suo ruolo nelle nuove strategie della fashion industry. Sono sempre di più le aziende di moda che, negli ultimi anni, hanno cambiato il loro approccio su più fronti, dalla scelta dei materiali al packaging, per renderlo sempre più responsabile nei confronti dell’ambiente e delle persone. Nell’edizione di Pitti uomo 2019 hanno debuttato progetti eco sostenibili per la rielaborazione di tessuti, capi funzionali e accessori nati da reti da pesca scartate, bottiglie di plastica o pneumatici usurati. Un fenomeno che sempre più afferma la volontà del mondo dell’abbigliamento di centrare obiettivi ambientali sfidanti, nel segno del progresso del design. Novità di quest’anno è stato in particolare il progetto di sneakers unisex che utilizza solo componenti eco friendly e per ogni paio di scarpe…

Leggi tutto

La sostenibilità va in cattedra: nasce il primo dottorato europeo

23 gennaio 2019 – Al via l’insegnamento della sostenibilità con l’European School of Sustanaibility Science and Research (ESSSR), il primo dottorato europeo – nato dalla volontà dagli Atenei di tutto il mondo – in linea con l’agenda 2030. Il dottorato intende rafforzare la ricerca interdisciplinare sui temi della sostenibilità ambientale attraverso la formazione delle prossime generazioni di scienziati della sostenibilità con corsi online e programmi congiunti di dottorato di ricerca; la costruzione di una piattaforma per le università in grado di contribuire alla realizzazione degli obiettivi previsti dall’agenda 2030; la mobilitazione degli atenei che si occupano dei temi dello sviluppo sostenibile per organizzare alcune iniziative congiunte, come ad esempio progetti di ricerca e pubblicazioni specializzate. L’Italia assume un ruolo importante nel progetto grazie alla partecipazione dell’Università di Firenze che da tempo…

Leggi tutto

Mal’aria 2019, 55 capoluoghi italiani hanno superato i limiti

21 gennaio 2019 – Il dossier annuale curato dalla Legambiente sull’inquinamento atmosferico in Italia evidenzia come siano 55 i capoluoghi del nostro Paese che nel 2018 hanno fatto registrare valori giornalieri superiori a quelli fissati dalle normative per le polveri sottili o per l’ozono. Il Nord e la regione della Pianura Padana – Brescia, Lodi, Monza, Venezia, Alessandria, Milano, Torino le città più interessate – risulta quella maggiormente interessata da fenomeni di inquinamento dell’aria dovuto al peso del traffico veicolare, all’attività industriale e alle produzioni agricole. Uno scenario da attenzionare secondo la più importante associazione ambientalista italiana che sottolinea l’importanza ancora una volta di adottare politiche di limitazione e contrasto all’inquinamento.

Portogallo, permessi “verdi” per chi sostiene l’economia ecologica

16 gennaio 2019 – Un permesso di residenza nel paese se investi sulla sostenibilità. È il programma che il parlamento portoghese ha lanciato di recente per attrarre nuovi finanziamenti verdi. Il requisito richiesto al contributore straniero è la garanzia di investire almeno 250 mila euro in progetti ecosostenibili ricalcando il già fortunato modello che ha portato il Paese lusitano ad incamerare importanti finanziamenti nel settore ricettivo. I settori produttivi di maggiore interesse inclusi nel piano “verde” sono quelli della produzione di energia da fonti rinnovabili, l’agricoltura organica e il turismo ecosostenibile. Il Portogallo tenta così di fare progressi nel suo percorso di crescita, in un’ottica di ampio respiro che vede sempre più al centro l’attenzione all’ambiente e l’avanzamento dei processi gestionali e produttivi nella direzione dell’economia circolare.

Lavoro e sostenibilità: ecco i lavori “verdi” di domani

14 gennaio 2019 – Cresce l’approccio “green” delle imprese italiane. Sempre più aziende abbracciano infatti investimenti sostenibili e piani d’azione per la riduzione dell’impatto ambientale delle proprie attività produttive. Sono circa un quarto del totale infatti le realtà d’impresa che hanno condotto iniziative volte ad accrescere la loro ecosostenibilità. Lo rivela il Rapporto GreenItaly 2018 curato da Unioncamere e Fondazione Symbola che aggiunge anche un focus sulle prospettive occupazionali di questo fenomeno. I cosiddetti Green Jobs impegnano oggi nel nostro Paese circa tre milioni di lavoratori, un numero destinato a crescere ancora nei prossimi anni. Bene soprattutto le aziende del comparto energetico che figurano tra quelle con una maggiore propensione ad andare incontro alla conversione verde. Seguono il manifatturiero, il settore edile e quello dei servizi. Sul versante più prettamente professionale,…

Leggi tutto

Marocco green: tutte le buone pratiche del paese magrebino

11 gennaio 2019 – Promuovere la tutela dell’ambiente, sviluppare energie rinnovabili e favorire il turismo sostenibile. Questa è la direzione intrapresa negli ultimi anni dal Marocco, mediante l’introduzione di una serie di riforme volte a promuovere lo sviluppo sostenibile del Paese. Il primo passo è stato aver accolto la COP22, la conferenza sul cambiamento climatico, a Marrakech nel 2016. In questa occasione la città ha attivato il servizio di bike sharing – il primo di tutto il continente – per favorire una mobilità più attenta all’ambiente. Nello stesso anno, a Rabat e Casablanca, sono stati sostituiti vecchi autobus e taxi altamente inquinanti. Con il Piano energetico nazionale il Marocco ha introdotto le energie rinnovabili nel Paese prevedendo, entro il 2020, di ottenere il 42% dell’energia da fonti rinnovabili. A questo scopo…

Leggi tutto

Impatto ambientale del cibo, quanto siamo informati?

7 gennaio 2019 – Uno studio accademico condotto dalla Duke University ha rivelato come gli americani siano scarsamente consapevoli dell’impronta ambientale che il cibo è in grado di produrre. La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Nature Climate Change, ha evidenziato come, ad esempio, ci sia un’ampia sottovalutazione delle emissioni di Co2 legate alla produzione di cibo, in particolare dei prodotti derivati da bovini e ovini. Il campione di intervistati è stato sottoposto a domande sull’impatto sull’ecosistema connesso al consumo di 19 alimenti e all’utilizzo di 18 prodotti elettronici. Un dato su tutti mette in luce lo scarso livello di conoscenza generale: interpellati sulla differenza tra una zuppa vegetale ed una a base di manzo, il target ha risposto “non molta” quando in realtà quella di carne ha un effetto sull’ambiente dieci…

Leggi tutto

Ambiente: l’Italia anticipa le direttive europee anti inquinamento

3 gennaio 2019 – Con l’anno nuovo arrivano buone notizie per l’ambiente: dal primo gennaio 2019 al via il divieto di produrre e vendere cotton fioc non biodegradabili e compostabili, ovvero quelli con il bastoncino di plastica. Saranno quindi in commercio solo quelli biodegradabili con l’obbligo per i produttori di indicare sulle confezioni le regole per il corretto smaltimento, sottolineando l’assoluto divieto di gettarli nel wc. Secondo i monitoraggi di Legambiente, infatti, i bastoncini di plastica dei cotton fioc che ogni anno vengono gettati nelle acque rappresentano il 9% dei rifiuti ritrovati sulle spiagge italiane. Nella lotta all’inquinamento della plastica il nostro Paese si riconferma capofila, dopo aver eliminato i sacchetti di plastica per la spesa nel 2011 e quelli dell’ortofrutta nel 2018. Inoltre l’UE, lo scorso dicembre, ha stabilito che…

Leggi tutto

Olanda, isole artificiali per restaurare il patrimonio faunistico

17 dicembre 2018 – Gli olandesi, si sa, sono un popolo che ha fatto della conquista della terra sottratta all’acqua un proprio orgoglio non soltanto ingegneristico. È così che nasce questo grande progetto infrastrutturale che vede la realizzazione di un vero e proprio sistema idraulico di drenaggio delle acque per il ripristino del patrimonio faunistico nella regione di Zuiderzee. Un programma senza dubbio impegnativo che prevede il più grande sforzo d’ingegneria in Olanda dal secolo scorso, che rappresenta un sapiente connubio tra ingegno umano e natura. “Costruiamo le isole per le isole, ma soprattutto per migliorare l’intero sistema di quello che è uno dei più grandi laghi d’acqua dolce in Europa e questa è una delle più grandi operazioni di restauro della natura in questo continente” ha detto un responsabile del…

Leggi tutto

Dai rifiuti di plastica del mare delle Tremiti l’albero di Natale ecologico

13 dicembre 2018 – Il rispetto dell’ambiente anche a Natale. Gli abitanti dell’isola di San Domino (Tremiti) hanno infatti realizzato un albero natalizio composto dai rifiuti plastici raccolti sui fondali del mare. L’oggetto, dedicata al padre del progetto “Clean Up, puliamo il mondo” Ian Kiernan, è adornato con grandi sfere di plastica trasparente contenenti i rifiuti pescati in mare. Un modo simbolico e artistico per fare luce sul problema dell’inquinamento marino e sensibilizzare il pubblico sul grave problema dell’abbandono dei rifiuti in acqua. Un Natale ecologico quello che vivranno gli isolani e i turisti di San Domino, impegnati a preservare un patrimonio naturalistico tra i più floridi nel Mediterraneo e nel mondo. I rifiuti, una volta terminate le festività del Natale, saranno poi riciclati dando vita a nuovi prodotti. L’isola tremitana…

Leggi tutto

Non sei registrato?? Crea un account


Log in

Password dimenticata?

Already registered? Log in


Register

Password dimenticata?

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com